La vecchia sede: 1993-2009

Nascita e sviluppo delle attività

Il Museo della pesca, sezione esterna del Museo del Malcantone, si trova a Caslano. Sede del museo, inaugurato nel 1993, è una villetta attorniata da un parco, proprietà del comune di Caslano, in via Campagna. L’iniziativa è nata grazie al lavoro di Franco Chiesa e alla collaborazione di Pietro Colombo e Piercarlo Parini, appassionati pescatori.

Il museo è gestito dall’Associazione del Museo del Malcantone, società che si propone di salvaguardare, raccogliere, riunire e valorizzare, quanto ancora rimane del patrimonio storico e culturale della regione del Malcantone. L’associazione permette nel caso specifico della sede di Caslano di preservare e valorizzare le tradizioni e le tecniche legate al mondo della pesca.

Fin dai primi anni di attività il museo si è sviluppato costantemente: nuove sale e nuovi materiali lo hanno arricchito di anno in anno. Questo grazie all’aiuto di molti amici e all’esemplare disponibilità del Comune di Caslano, dell’Ente turistico del Malcantone e di molti sostenitori e donatori. Il museo propone inoltre numerose attività all'esterno della propria sede, come prestito di materiali, oggetti, fotografie o con la propria presenza a fiere e manifestazioni.

Il Museo della Pesca organizza infine due appuntamenti annuali: il primo riguarda la Festa del Museo della Pesca fissata per il giorno di Corpus Domini. Il secondo appuntamento permette di introdurre gli allievi della scuola elementare di Caslano al mondo della pesca.

L'esposizione permanente

L'esposizione permanente comprende diverse centinaia di oggetti ed è distribuita in 7 locali, su due piani.

Nel parco, sono esposte quattro vecchie barche da pesca, tre del Ceresio ed una del Verbano, con la relativa attrezzatura e una spingarda, tipica barca per la caccia degli uccelli acquatici.

Nella prima sala, dedicata al pesce e alla pesca nell'antichità, sono raccolti rari fossili, mentre medaglie, monete e iconografie varie evidenziano i significati simbolici e religiosi che il pesce ha assunto nella storia. Nella vetrina centrale si può ammirare una pregevole serie di reperti archeologici, ami, fiocine e i resti di una rete del neolitico - prestati dal Museo nazionale svizzero.

La sala attigua è dedicata alla cattura delle anguille nelle peschiere della Tresa, un particolare tipo di pesca che per secoli ha rappresentato un'attività di grande importanza economica per molti malcantonesi. Storia e tecnica delle "peschiere", documentate fin dal Quattrocento, sono illustrate mediante documenti, oggetti, fotografie e il modellino in scala di una di queste ingegnose installazioni.

Nella terza sala sono esposti un ricco campionario di reti per la pesca sul lago - le più antiche in seta o cotone - con tutta l'attrezzatura per fabbricarle e ripararle; diversi tipi di pesi e di galleggianti e vari altri attrezzi per la pesca professionale.

Una saletta multimediale al pianterreno offre la possibilità di visionare vari documenti audiovisivi.

Nella successiva sala del piano terra sono presentati esemplari imbalsamati di quasi tutte le specie di pesci del Canton Ticino che popolano fiumi e laghi; un'infinità di esche artificiali e una bella collezione di tirlindane, in legno o in metallo per la pesca al traino.

Nella quinta sala, al primo piano, canne in bambù, mulinelli, esche artificiali di fattura artigianale e una moltitudine di altri oggetti documentano quella che era un tempo la pesca sportiva.

La pesca a mosca è una tipo di pesca particolarmente spettacolare che va sempre più diffondendosi. Questa sala contiene una notevole collezione di esche, canne e mulinelli e illustra le raffinate tecniche utilizzate per la fabbricazione delle canne e delle mosche. Una vetrina è dedicata al "casting", una disciplina sportiva basata sull'abilità nel lancio.

L'ultima sala è dedicata alla piscicoltura: documenti d'archivio, fotografie, pubblicazioni e una vasta gamma di attrezzature documentano l'evoluzione di questa attività e gli sforzi intrapresi dai privati e dall'ente pubblico, per garantire il ripopolamento ittico di fiumi e laghi. Molto altro materiale, fra cui una preziosa raccolta di guade e bertovelli da fiume, è collocata sulle pareti di corridoi e scale.

Free Joomla! template by L.THEME